Magia Nera


La magia nera e’ comunemente definita come l’ azione del mago nero che cerca di sottomettere le entita’ spirituali al proprio volere (al contrario della magia bianca che opera in armonia con esse).
Piu’ precisamente e’ una espressione del greco Hybris, ovvero della volonta’ di ottenere conoscenze e potere superiori a quelli permessi al proprio livello di sviluppo, attraverso una prevaricazione delle leggi dell’armonia universale.
A livello piu’ profondo, e’ un tentativo di opposizione al giusto sviluppo dell’ umanita’ previsto nei piani divini; nella pratica, il mago nero cerca un accordo con quegli ambiti spirituali identificati proprio con le potenze dell’ opposizione(Satana, Diavolo, demoni) che, in cambio di alcuni atti specifici, gli forniscono quanto richiede. La magia nera ha anche il semplice obbiettivo di cercare di acquisire il potere supremo.
Il colore nero e’ collegato all’ oscurita’, in contrasto con il bianco (magia bianca) che e’ collegato alla luce.
Una figura di mago nero e’ quella Landolfo II principe di Capua, scomunicato per questa ragione nell’anno 875 e archetipo del Klingsor del Parsifal wagneriano.

L’articolo Magia Nera proviene da I Tarocchi.



Leggi l’articolo completo

Magia Nera
Vota questa pagina.